Fiera del Levante
"Fiera ed istituzioni", dialogo costante per far crescere il territorio
Nuova FdL, 23-02-2018

"Fiera ed istituzioni", dialogo costante per far crescere il territorio

Il connubio tra la Fiera del Levante e le istituzioni affonda le radici nel lontano 1928.  In quell'anno i tre Enti fondatori - Camera di Commercio, Comune e Provincia di Bari - affidano il progetto esecutivo di sistemazione urbanistica del quartiere fieristico all’architetto Cesare Augusto Corradini. Si individua come ubicazione la zona di San Cataldo–San Francesco dell’Arena e, in cinque mesi di duro lavoro, si realizzano palazzi e padiglioni, viali e giardini, servizi per il pubblico e per l’Ente fieristico.

L'allora presidente della Camera di Commercio di Bari, Antonio De Tullio, ottiene l’aiuto del vice segretario della Fiera milanese Federico Pinna-Berchet il quale convince due suoi collaboratori, Giuseppe Cobol e Francesco Badubri, a seguirlo. Una triade di grande talento che lancia sul mercato nazionale ed estero la Fiera del Levante.

Da allora, e grazie anche al costante impegno della Regione Puglia, la Fiera da un lato organizza rassegne capaci di favorire nel migliore dei modi l'incontro tra domanda ed offerta e dall'altro sviluppa iniziative (anche fuori dai confini nazionali) per aiutare le imprese nel processo di internazionalizzazione.

Il resto è storia degli ultimi tempi. La Regione punta sulla Fiera per allocare industrie innovative, sperimentare esperienze di co-working tra giovani professionisti come avviene a Berlino o a Copenaghen, immaginare, sull’esempio del Cineporto (che ha sede in Fiera dal gennaio 2010), una Casa delle musiche (a novembre 2011 Medimex, la Fiera delle Musiche del Mediterraneo, è stata animata da 3.000 persone e 200 artisti). Allo stesso tempo finanzia la realizzazione del Centro congressi: ad ospitare la nuova struttura, grazie al supporto del Politecnico di Bari, saranno il vecchio Palazzo del Mezzogiorno, il nuovo padiglione e il piano terra del Palazzo delle Nazioni.

Alla Provincia di Bari si deve, ad esempio, l'organizzazione negli ultimi due anni del Costa dei Trulli-Summer Festival con la partecipazione di ospiti d’eccezione del panorama musicale pugliese, nazionale e internazionale.

Il Comune favorisce, tra l’altro, le politiche di mobilità (si pensi all’ingresso gratuito riservato negli ultimi anni ai visitatori della Campionaria arrivati in bicicletta o ai servizi di Park & Bus) e sovvenziona una parte degli interventi per il potenziamento delle infrastrutture nel quartiere.

La Camera di Commercio continua a sostenere la Fiera come contenitore di idee e fabbrica di iniziative che vedono il coinvolgimento dei vari stakeholders. L’obiettivo è far crescere la comunità e le sue imprese, dalla cultura ai prodotti tipici. 

Il Consiglio regionale è presente in Fiera con un proprio padiglione nel quale ha ricercato nel passato le radici sulle quali trova sostegno lo sviluppo di una regione che è Europa e allo stesso tempo Mediterraneo. E così ha ospitato una mostra sui “Tratturi”, ha richiamato le vicende dei profughi ebrei e ha discusso di federalismo, importanza della comunicazione, tutela del mare.

Ma la Fiera guarda anche ai soggetti della società civile, ad altri Enti, alle associazioni di imprese, alle Università, ai Centri di ricerca.

Questa rubrica, chiamata “Fiera e istituzioni”, è dedicata a loro e si propone come un filo diretto, un dialogo costante, un mix di testimonianze e proposte sinergiche, in continuo aggiornamento, per rispondere alla crisi e far crescere il territorio.

Nuova FdL

- admin -
Nuova FdL

info@fieradellevante.it

Altre notizie

La Fiera vista da Voi
Link utili
Da fuori Bari